Apple iOS 6.0: l’app Mappe diventa 3D e abbandona Google Maps

Apple iOS 6.0: l'app Mappe diventa 3D e abbandona Google Maps

Apple iOS 6.0: l'app Mappe diventa 3D e abbandona Google Maps

La conferenza stampa WWDC 2012 è stata ricca di novità come previsto, e mentre nella prima metà del keynote l’attenzione è stata focalizzata sul nuovo sistema operativo destop Mountain Lion e la gamma 2012 dei computer Macbook Pro, nella secondo metà Scott Forstall di Apple ha presentato in dettaglio le novità più importanti dell’aggiornamento iOS 6.0.

Apple iOS 6.0, come già detto in un articolo precedente, arriverà in autunno sul nuovo iPad, iPad 2, iPhone 4S, iPhone 4, iPhone 3GS e iPod Touch di quarta generazione. Fuori dalla lista il primo iPad e l’iPod Touch di terza generazione.

Una delle novità più grandi di iOS 6.0 è l’applicazione Mappe, che dice addio al database di Google Maps e si affida a delle mappe open-source con uno stile grafico personalizzato dalla casa di Cupertino. Il risultato a prima vista pare molto buono, ma è ancora presto per giudicare la bontà delle mappe virtuali. Ciò che è certo è che Apple desidera allontanarsi sempre più dai servizi di Google.

L’applicazione Mappe ha integrato il naigatore satellitare di tipo turn-by-turn realizzato da Tom Tom, ma per il momento non sappiamo ancora se sarà possibile utilizzarlo anche in modalità offline.

Molto interessante poi la modalità 3D Flyover, grazie alla quale possiamo vedere alcune città del mondo in 3D.

[Via]


6 Comments

  1. 1

    Come mai sull’iPhone 3GS sì e sull’iPad 1 no?

    • 2
      • 3

        Eh già, la mia domanda era un po’ retorica! Si sono forse resi conto che questo è uno dei pochi incentivi che potrebbe avere un possessore di iPad 1 per passare al 2. Più che altro non capisco perché invece aggiornino il 3GS…

        • 4

          c’è da dire che l’iPhone 3Gs è ormai diventato l’iphone “low cost” (sono sempre 399 euro, ma sappiamo che Apple non è economica), e visto che sarà commercializzato nei paesi emergenti tipo Brasile, probabilmente preferiscono spingere sul fatto che sia aggiornabile ad iOS 6.0 (nonostante metà delle caratteristiche non funzioneranno a causa dell’hardware..)

          • 5

            Eh sì, è l’unica spiegazione! Mi auguro che la prossima generazione di iPad (secondo me se ne inizierà a parlare dopo la presentazione di iPhone 5) porti davvero dei cambiamenti significativi, visto che per ora mi tengo ben stretto il mio primo iPad… 🙂

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>