Apple costretta a continuare a scrivere che “Samsung non ha copiato l’iPad”

Apple costretta a continuare a dire che "Samsung non ha copiato l'iPad"

Apple costretta a continuare a dire che "Samsung non ha copiato l'iPad"

Il giudice inglese Colin Birss ha appena rigettato il ricorso presentato dai legali di Apple in merito alla “condanna” di circa tre mesi fa riguardante la pubblicazione sul proprio sito web e su alcuni quotidiani mondiali della frase “Samsung non ha copiato l’iPad“.

Si tratta senza dubbio di una brutta notizia per Apple, visto che adesso dovrà mantenere tale spot per ancora diversi mesi, facendo così della pubblicità gratuita alla concorrente sud coreana.

Ormai ci siamo abituati a certi colpi di scena nella guerra legale tra Apple e Samsung, ma difficilmente questa situazione si sbloccherà in qualche modo. La casa di Cupertino infatti dovrebbe fare ricorso alla Corte Suprema del Regno Unito, ma stando a quanto svelato da Reuters il gioco potrebbe non valere la candela, anzi, potrebbe soltanto creare dei danni.

Questo è ciò che scrive a riguardo BBC News:

“Alla società americana è stato chiesto in precedenza di piazzare una notifica opportuna sul proprio sito Web e in altre campagne pubblicitarie da lanciare sul Daily Mail, Financial Times, T3 Magazine e altre pubblicazione per “correggere la percezione perniciosa” che Samsung abbia copiato Apple. I giudici di appello hanno deciso di non capovolgere la precedente decisione basandosi sulla considerazione che una battaglia riguardo i diritti sul design di Cupertino nei tribunali tedeschi avrebbe creato confusione nelle menti dei consumatori. “Il riconoscimento deve venire dalla fonte” hanno affermato. “qualunque altra soluzione non avrebbe avuto la medesima efficacia.”

[Via]


One comment

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>