Macroscalar: brevetto Apple per un nuovo processore

La scorsa settimana Apple ha depositato il marchioMacroscalar” presso il Patent Office statunitense con protocollo 85530375. Il marchio Macroscalar si riferisce a una nuova generazione di processori cui Apple sta lavorando da diverso tempo.

Ecco cosa è un processore Macroscar, spiegato da ZDNet: La crescita delle frequenze di clock spesso non corrisponde a un aumento di prestazioni percepite perché il software non è ottimizzato per sfruttare le nuove CPU. Per ovviare a questa situazione Apple propone il processore “Macroscalar” che durante la compilazione genera delle istruzioni secondarie in modo da garantire una maggiore velocità di calcolo mantenendo più pipe-line parallele, caricandole e spostandosi fra esse in modo da massimizzarne le prestazioni.

Il fatto che Apple abbia deciso di depositare presso il Patent Office statunitense questo brevetto fa pensare che la società di Cupertino sia pronta a rilasciare questa tecnologia nel processore Apple A6 in arrivo sul prossimo iPad 3.

Questo nuovo brevetto in qualche modo annienta tutti i rumors che prevedono un iPad 2 rinnovato in quanto un processore di questo tipo è in grado di offrire una potenza di calcolo nettamente superiore. Se così fosse, le previsioni rilasciate da iFixit che annunciano un aumento graduale delle prestazioni su iPad, raggiungendo un processore quad-core nel giro di due anni, sarebbero del tutto infondate.

Apple potrebbe ancora una volta stupire tutti e rilasciare un iPad 3 con prestazioni mai viste sino ad ora e con largo anticipo sarebbe pronta a rilasciare un iPad potenziato in grado di soddisfare tutti coloro che da tempo sognano un Macbook Air con processore ARM, cui Apple osservando con attenzione gli ultimi brevetti registrati potrebbe essere molto vicina alla realizzazione, infatti è stato registrato un brevetto che prevede un connettore Magsafe per i dispositivi mobili, un brevetto che prevede un MacBook che diventa un iPad, e un brevetto che prevede degli schermi con protezione della privacy integrata.

[Via]


3 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>