iPad non è la causa del calo delle vendite di computer

La casa di analisi statunitense NPD ha sviluppato di recente un’analisi secondo la quale l’iPad ha visto vertiginosamente aumentare la propria diffusione nel mercato informatico e il computer ha visto altrettanto gravemente scemare le proprie vendite. Fatto sta che la NPD ha chiarito che l’aumento di vendite dell’iPad non è assolutamente la causa del calo dei computer (come si era detto in precedenza), facendo così venir meno un luogo comune che iniziava a spopolare di recente.

Tale dato è sviluppato tramite una statistica che afferma come il 75% degli acquirenti dell’iPad abbia dichiarato che il tablet funge da completamento ad un personal computer e non una sostituzione. Infatti l’acquisto del tablet Apple come variante al computer è stato segnalato solo dal 15% degli acquirenti: numeri bassi che fanno intendere la stessa natura dell’iPad, componente aggiuntivo all’attività informatica dell’utenza e non oggetto suppletivo ad un computer, come si voleva lasciar presagire e intendere.

La causa del calo delle vendite quindi per la NPD è rappresentato dal boom avuto di recente con l’arrivo di Windows 7 e la vendita dei notebook, che ha spopolato eccessivamente. Indubbiamente dopo un grande picco di vendite, il calo era prevedibile e cercare un capro espiatorio nell’iPad, che attualmente è il prodotto informatico più venduto e più in voga, era la più semplice delle mosse.


Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>