iPad 2 e Facetime: approfondimento app videochiamate

iPad 2 e Facetime: approfondimento app

iPad 2 e Facetime: approfondimento app

L’Apple iPad 2 è stato da poco annunciato in maniera ufficiale, e con questo articolo vediamo di dare un approfondimento su una delle applicazioni più attese e al tempo stesso scontate sulla nuova generazione del tablet di Cupertino: Facetime.

Facetime è stata introdotta nell’universo Apple per la prima volta circa un anno fa su iPhone 4, e mese dopo mese è stata resa disponibile anche nell’iPod Touch di quarta generazione e nei nuovi MacBook Pro. Adesso è il turno dell’iPad 2, il quale grazie alla presenza delle due fotocamere, una frontale e l’altra posteriore, permette di effettuare videochiamate tramite Facetime in perfetta comodità e semplicità.

Per chi non lo sapesse, Facetime è un’applicazione gratuita (a pagamento soltanto nella versione casalinga per Mac) che permette di effettuare videochiamate ad un altro utente Facetime utilizzando la rete Wifi. Per il momento non è possibile effettuare videochiamate tramite la connessione dati 3G UMTS, tuttavia sembra che in futuro la possibilità verrà ampliata alla rete HSPA+ e 4G LTE, magari con l’avvento del nuovo iPhone 5, il quale dovrebbe appunto supportare la rete dati di nuova generazione.

Con una semplice mossa è anche possibile cambiare la camera frontale con quella posteriore, e viceversa, in modo da riprendere senza troppi problemi l’ambiente che ci circonda.


4 Comments

  1. 2

    Si può chiamare un ipod touch di 4 generazione da un i-pad ?
    Ho provato ma la chiamata non arriva, erano collegati tutti e due alla stessa rete wi-fi, può essere questo il problema ?
    Grazie

  2. 4

    Ma le frquenze che ci colpiscono non sono dannose ci sono alcuni studi canadesi che lo sostengono come ci dobbioamo comportare?

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>