Google chiede il codice sorgente dell’iPad Mini

La diatriba tra Apple e Google non è assolutamente cosa nuova e quasi si può paragonare a quella con Samsung: d’altronde la sfida è indubbiamente avanzata sì al magnate coreano, ma punta necessariamente ad Android, il sistema operativo che per ora più può insidiare l’azienda di Cupertino. Stavolta, però, c’è una novità: non è la Mela a presentare una mozione o a denunciare i coreani, ma Google, direttamente da Mountain View, a chiedere al tribunale di Miami di intervenire nei confronti della Apple.

L’azienda americana avrebbe chiesto di poter visionare il codice sorgente dell’iPhone 5 e dell’iPad Mini, così da poter valutare la reale immunità dei propri brevetti: secondo Google, infatti, la Apple avrebbe violato i diritti di alcuni brevetti depositati nel corso dell’attività. Il codice sorgente, nel frattempo, è stato depositato il 30 maggio subendo delle modifiche il 7 agosto e il 25 ottobre, per delle aggiunte e altre specifiche da inserire. Però la documentazione ultimata non è ancora giunta nelle mani del tribunale e questo avrebbe fatto insospettire Google, che teme un utilizzo scorretto di alcuni brevetti che Apple non vorrebbe dichiarare. Ci si prepara quindi a una nuova diatriba tra le due aziende, che si spera possa risolversi quanto prima invece di sfociare in una nuova battaglia legale.

[Via]


Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>