Apple potrebbe svelare le nuove versioni di iWork e iPhoto all’evento WWDC 2013

Apple potrebbe svelare le nuove versioni di iWork e iPhoto all'evento WWDC 2013


Ormai manca meno di un mese all’evento stampa WWDC 2013 di San Francisco, e come ogni anno sul web ci sono indiscrezioni di ogni genere sui possibili prodotti e servizi che i dirigenti della casa di Cupertino potrebbero presentare. L’ultima voce di corridoio è diversa dalle altre, e vede possibile l’annuncio delle nuove versioni dei programmi iWork e iPhoto.

Sappiamo per certo che l’aggiornamento del sistema operativo iOS 7 verrà svelato il prossimo 10 Giugno durante l’evento WWDC 2013, assieme al sistema operativo desktop OS X 10.9 Lynx e forse alla gamma rinnovata dei computer Mac. Ma tra le tante novità ci potrebbe essere anche l’annuncio delle versioni 2014 dei programmi iWork e iPhoto.

Per chi non lo sapesse, iWork è la risposta di Apple alla ben più popolare suite d’ufficio Microsoft Office (disponibile pure su Mac). Ultimamente Apple ha spinto moltissimo su iWork per iPad e iPhone, ma con la prossima versione il focus potrebbe tornare sui device desktop e notebook, più utilizzati dai professionisti e dalle aziende.

Per quanto riguarda iPhoto, il suo ultimo aggiornamento importante risale a quasi tre anni fa, Ottobre 2010 per essere precisi. E’ vero, in seguito ci sono stati alcuni update minori, ma adesso l’interfaccia è fin troppo pesante e complicata da gestire. Un redesign completo, magari con integrazione nel futuro OS X 10.9 Lynx, non sarebbe affatto male.

Si ipotizza inoltre che all’evento WWDC 2013 i vertici di Apple possano annunciare la possibilità di provare gratuitamente le app iOS prima di procedere con l’acquisto, una funzionalità che è già presente da tempo in OS X.

[Via]


Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>