Apple Pay sarà un successo, secondo gli analisti

Apple Pay sarà un successo, secondo gli analisti


All’inizio c’erano state un po’ di resistenze da parte dei rivenditori e gli stessi utenti, ma col passare del tempo Apple Pay convince sempre di più, e i vari analisti del settore sono convinti che sarà un successo. Ecco perchè.

Inizialmente c’erano stato un po’ di dubbi sull’utilità di Apple Pay, ma più passa il tempo, e più i negozi e i possessori dei nuovi iPhone e iPad si rendono conto che si tratta per davvero del futuro dei pagamenti in mobilità. Il primo vantaggio di Apple Pay è che si basa sullo standard mondiale NFC, quindi per i rivenditori non ci sono troppi problemi ad accettare questo tipo di pagamenti.

In secondo luogo, da tempo esiste già Google Wallet che propone pagamenti via NFC con gli smartphone Android, ma per varie ragioni il servizio non è mai stato troppo popolare. Alcuni dicono che non si fidano di Google, mentre altri preferiscono continuare ad usare i contanti oppure la classica carta di credito. Ma con Apple Pay la situazione potrebbe essere diversa, perchè tutti i dati sono salvati al sicuro nell’iDevice, e non nei server remoti. E l’autorizzazione al pagamento avviene con il lettore di impronte digitali Touch ID.

Apple Pay sarà un successo, secondo gli analisti

Gli analisti sono fiduciosi sul successo di Apple Pay, e ogni settimana vengono aggiunti alla lista dei nuovi rivenditori che accettano il sistema di pagamento mobile della Mela. E in Cina, la casa di Cupertino ha svelato che verrà accettata UnionPay come opzione di pagamento.

E come svela l’autorevole New York Times, Apple Pay rappresenta la metà delle transazioni mobili in tutti i fast food McDonald’s statunitensi. Si tratta di un traguardo davvero importante per Apple, e siamo convinti che questo è soltanto l’inizio.

[Via]


3 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>