Apple investe 16 miliardi di dollari per acquistare le sue azioni

apple_logo_store1-570x304

C’è chi investe sugli altri, su altre aziende, chi analizza il futuro degli altri e decide di puntarci, e poi c’è chi decide, invece, di puntare su se stesso, sicuri del proprio successo futuro. Lo ha fatto la Apple, che ha deciso di acquistare le sue azioni, invece di fare proprie dividendi di altre società: sfruttando una parte della sua riserva ha acquistato una quota delle sue azioni per cifre decisamente alte.

L’immobilità della Apple era stata spesso causa di numerose critiche per l’azienda di Cupertino, che risultava essere ferma dal punto di vista delle acquisizioni. Altri colossi come Yahoo! hanno acquistato, ad esempio, un miliardo di dollari per acquistare Tumblr, così come anche Google di recente ha speso cifre decisamente alte per Waze. Sorge spontanea la domanda, allora, soprattutto se si nota che la Apple è una delle aziende più ricche al mondo, ma che non investe quasi mai in progetti web o in sistemi alla pari di Tumblr. La decisione di acquistare sue aziende, quindi, non solo va a contrastare l’immobilità del sistema, ma va anche a sottolineare che le intenzioni a Cupertino sono chiare: non si punta sull’altro, ma sul sicuro, quindi su se stessi.

A commentare la strategia è stato Elmer DeWitt, analista di Fortune, che ha lodato la scelta della Apple, che ha speso circa 16 miliardi di dollari per acquistare 36 milioni delle sue azioni a un prezzo di 444 dollari l’una. La somma è stata divisa in due parti: la prima, composta da 4 miliardi, è in contanti, mentre la seconda, di 12 miliardi, è stata investita attraverso il programma accelerated share repurchase. Una somma non indifferente che, secondo sempre DeWitt, poteva bastare per acquistare in un sol colpo Nokia o anche BlackBerry, riuscendo anche a risparmiare diversi zeri.

[Via]


Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>