Apple e le FFS trovano l’accordo per l’orologio su iPad

La diatriba tra le Ferrovie dello stato svizzere e Apple era nata sull’utilizzo dell’orologio analogico che l’iPad utilizza sul proprio software. Secondo lo stato svizzero la copia dell’orologio era abbastanza spudorata da parte di Cupertino e addirittura sembrava che dall’iPad sarebbe dovuto sparire: ora, però, si è trovata una soluzione grazie a un accordo tra le due realtà.

I dirigenti della FFS hanno deciso di proclamarsi onorati di poter vedere il proprio orologio in un device della Apple, che oramai a livello mediatico rappresenta la più grande azienda nella produzione di supporti elettronici: non è stata chiesta alcuna autorizzazione da parte di Apple per utilizzare l’orologio, ribadiscono, ma oramai l’utilizzo di un orologio, che è risaputo essere proprio, può essere soltanto un vanto. Oggi, quindi, le stesse FFS hanno confermato ufficialmente che l’accordo con la Apple è stato trovato e in base a un contratto di licenza l’azienda di Cupertino potrà mantenere sul proprio iOS6 la gestione dell’orologio svizzero. Non si conoscono ancora i dettagli dell’accordo, ma almeno questo ha sancito la fine della diatriba e ora a Cupertino possono dirlo con fierezza: sull’iPad è montato un orologio svizzero.

Costruito nel 1944 dall’ingegnere e designer Hans Hilfiker per le FFS, l’orologio ha fatto la storia delle ferrovie svizzere, che fanno, da parte loro, dell’orologio un simbolo di precisione. A oggi è un fondamentale segno distintivo delle FFS e della Svizzera ed è un simbolo di innovazione e affidabilità: guardare l’orologio delle FFS svizzere significa poter essere certi di un orario chiaro e preciso: ora anche Apple potrà avvalersi di questo importante aspetto e della spatola rossa dei secondi.  

[Via]


Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>