Apple, Nokia e Rim sotto accusa per aver dato un accesso backdoor all’esercito indiano

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:
1


ZDnet ha recentemente pubblicato un articolo che, partendo da un rapporto ancora non ufficiale, afferma che Apple, Nokia e Rim abbiano costruito un accesso backdoor per l’esercito indiano, permettendo allo stesso diu avere pieno accesso ad alcune chiamate, messaggi di testo e del traffico dati.

Manan Kakkar di ZDnet spiega:

Proprio oggi mi sono imbattuto in una serie di documenti che parrebbero essere relativi a comunicazioni interne tra militari di alto grado dell’esercito indiano. Dai documenti sembra esserci un sistema conosciuto come RINOA SUR. Anche se non so ancora a cosa si riferisce la parola SUR, RINOA sembrerebbe invece riferirsi alle tre aziende RIM – NOKIA – APPLE. Ed è qui che le cose si fanno interessanti: secondo questi documenti, la piattaforma RINOA SUR sarebbe stata utilizzata per spiare la USCC, la commissione economica e di sicurezza USA-Cina.

Da quanto si evince dai documenti, sembrerebbe che le tre aziende abbiano deciso di aprire le porte ai propri sistemi all’esercito indiano al fine di ottenere in cambio una più massiccia presenza dei loro prodotti sul mercato indiano. Al momento i documenti non sono stati ancora giudicati ufficiali, ma non si esclude l’ipotesi che nei prossimi giorni il Senato degli Stati Uniti possa aprire un’inchiesta per far luce su questa vicenda.

[Via]


Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:

Un commento dal blog

  1. […] rispetto a Windows 7.Non è certo la prima volta che si parla di una tavoletta digitale firmata Nokia: già diversi mesi fa giravano voci di corridoio sulla sua esistenza, ma fino ad oggi non […]

Commenta l'articolo!

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "Apple, Nokia e Rim sotto accusa per aver dato un accesso backdoor all’esercito indiano"

apple, backdoor, esercito, indagine, indiano, nokia, rim

© 2012 iPaddisti.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Pubblicità   Privacy   Contatti