[Rumors] Apple interrompe la produzione dell’iPad 2

ipad 2

Poco meno di un mese fa vi parlavamo del calo delle vendite subito dall’iPad 2 nel recente passato: nel corso del quarto trimestre del 2013 la percentuale di vendita, che era al 22% all’inizio dello scorso anno, è scesa al 5%. Causa evidente della diminuzione delle vendite è l’arrivo dell’iPad Air e dell’iPad Mini 2 sul commercio, così come il fatto di essere diventato oramai troppo vecchio come iDevice per l’acquisto. Fino a quando ci sarebbe stata domanda per l’iPad 2 la Apple avrebbe continuato a venderlo, è indubbio, ma l’aria della pensione sembrava oramai imminente.

Oggi, quindi, vi riportiamo quanto emerso dalle ultime comunicazioni da Cupertino: la produzione dell’iPad 2 è terminata. La commercializzazione proseguirà per smaltire gli ultimi stock a disposizione, già prodotti, ma per il resto non ci sarà un seguito: pertanto il sold out dell’iPad 2 sarà irreversibile e irreparabile, dando il via a un cambiamento importante. Lanciato originariamente nel 2011, dopo tre anni, l‘iPad 2 sarà tolto dai listini, cosa che potrebbe accadere l’anno prossimo anche all’iPad Mini, ora completamente soppiantato dalla sua seconda versione, con schermo Retina.

Nel trimestre attuale, secondo quanto riportato da Ming Chi Kuo, analista della KGI Securities, la Apple riuscirà a vendere soltanto 300.000 iPad 2 in tutto il mondo: una quantità troppo bassa per poter giustificare la continuazione della produzione, che quindi verrà a cessare nell’immediato. L’iPad 2 verrà comunque ricordato come uno dei prodotti di maggior successo di Cupertino anche a fronte della sua resistenza in commercio: tre anni rappresentano un’ottima linea temporale, distrutta soltanto dal lancio di nuovi supporti che si sono avvicinati, nel tempo, allo stesso prezzo offrendo qualità superiori. Secondo le statistiche più recenti l’iPad 2 rappresenta il 38% di tutti i tablet della Apple in circolazione, quindi un numero che tende decisamente alla metà nonostante gli iDevice della Mela avessero avuto un esponenziale sviluppo negli anni successivi.

[Via]


2 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>