Ruba l’iPad, ma viene rintracciato: ennesimo furto sventato

ipad

Diventa sempre più immediato rintracciare e sventare il furto del proprio iDevice, in particolar modo di iPhone e iPad. Grazie, infatti, all’app “Trova il mio iPhone?” è possibile rintracciare qualsiasi dispositivo – anche Mac – e sapere dove si trova in quel momento. I più sbadati possono usufruirne nel caso in cui abbiano dimenticato l’ultima location del proprio supporto, ma chi è stato appena derubato può agire in modo tale da recuperare la refurtiva. È successo nuovamente in provincia di Firenze ed è costata caro a un cileno di 22 anni, che voleva assolutamente rubare un iPad.

Due turisti milanesi, nella giornata di ieri, mentre trascorrevano la giornata a Pisa sono stati derubati del proprio iPad, l’ennesimo furto nell’ultima settimana in città, ma stavolta risoltosi per il meglio. A intervenire un brigadiere, che tempestivamente si è messo alla ricerca del ladro fino ad arrivare a un’area di parcheggio tra Viareggio e Lido di Camaiore. Senza alcun atto eroico o di coraggio, il brigadiere, notando che il segnale dell’iPad era fermo, ha avvertito i colleghi della Versilia, così da poter intervenire in maniera compatta nei confronti del ladro: senza, però, poi voler perdere tempo, il brigadiere decide di agire in solitaria. Uno dei ladri fugge, ma l’altro viene preso.

Il reo è stato condannato a tre anni e due mesi di reclusione dal tribunale di Lucca, che lo ha processato per direttissima. Inoltre successivi accertamenti hanno permesso di scoprire che i furgoni utilizzati per la fuga erano stati entrambi rubati, uno a Trevi, in provincia di Viterbo, e l’altro a Ostia, in provincia di Roma. Nel camper è stata recuperata ovviamente la refurtiva rubata ai turisti milanesi oltre ad altra merce che è stata al momento sequestrata.

[Via]


Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>