Mwc 2014: Huawei presenta il MediaPad X1, l’avversario dell’iPad Mini

20140223_064948

È ufficialmente iniziato il Mwc 2014 in quel di Barcellona, dove verranno presentate tutte le novità dell’informatica che potranno andare a creare un mercato concorrenziale con la Apple. La principale industria sulla quale tenere l’occhio di bue quest’anno è sicuramente la Huawei che da quando si preoccupava soltanto di supporti per la connessione mobile ne ha fatta di strada. La casa cinese, infatti, nella città iberica ha lanciato il guanto di sfida sia alla Samsung che alla Apple presentando il MediaPad X1, facendo forza anche sul suo ruolo all’interno del mercato: terzo costruttore dopo appunto i coreani e Cupertino, con una quota di mercato del 4,8%, grazie a una crescita dell’85%.

A presentare i nuovi prodotti della Huawei è Andrew Connell, Ceo della filiale europea dell’azienda cinese: inizia da un modem 4G WiFi, chiamato E5786: si mostra come il più veloce hotspot al mondo con all’interno un chip di nuova generazione che permette il download di un film – quindi di circa 1GB di dati – in circa 30 secondi, la metà di quanto assicurano attualmente dispositivi tra i migliori in circolazione. Prezzo di mercato: 299 euro e autonomia di batteria pari a 10 ore.

Tralasciando, però, tali aspetti tecnologici, arriviamo a qualcosa che ci tocca da più vicino: il MediaPad X1. Con display Full Hd da 7 pollici risulta essere decisamente l’avversario dell’iPad Mini: sottile appena 7,18 mm, il che lo investe di un primato non indifferente, ed è anche il più leggero arrivando a 239 grammi a discapito dei 299 offerti dal Nexus 7 e dei 341 dell’iPad Mini. La fotocamera posteriore arriva a 13 megapixel, contro i 5 della concorrenza (supera anche l’iPhone) e ha una connessione Lte 4G, 2GB di memoria, 16GB di spazio per archiviare file e una batteria che assicura un’autonomia pari a 15 ore di navigazione o 125 ascoltando musica. Al prezzo di 399 euro, poco più del Nexus 7, ma offrendo una versatilità superiore, funzionando anche come telefono e offrendo un accessorio a forma di bracciale che oltre a fare da auricolare misura anche il bioritmo. Un factotum.

[Via]


2 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>