iOS 7 per iPad: perché conviene disattivare gli aggiornamenti automatici (e se non lo fate, peggio per voi!)

Era sicuramente una delle feature più attese da tempo. Per ogni nuova versione di iOS gli utenti si aspettavano che Apple, finalmente, introducesse gli aggiornamenti automatici per le app: in questo modo non ci sarebbe stato più bisogno di entrare ogni due giorni su App Store a vedere se fossero presenti aggiornamenti delle varie app, quindi fare attenzione a quando finiva il primo per dare il via al secondo.

Con iOS 7 questo problema non c'è più, in quanto Apple ha finalmente introdotto questa attesa funzionalità, ma a causa del funzionamento del sistema stesso dell'App Store di Apple questo sistema non funziona, spesso, come dovrebbe, e per la maggior parte degli utenti dovrebbe essere disattivato, almeno fino ad un nuovo aggiornamento. Diciamo innanzitutto che per disattivarlo dobbiamo andare in Impostazioni, iTunes Store e App Store, Aggiornamenti, quindi disattivare l'aggiornamento automatico. E adesso vediamo, invece, il perché.

I motivi principalmente sono due. Il primo è che a volte con un aggiornamento gli sviluppatori commettono degli errori che possono andare a peggiorare l'app anziché migliorarla, e in certi casi anche a non farla più funzionare per nulla. Gli sviluppatori chiaramente si rendono conto subito dell'errore, e correggono immediatamente, ma la versione corretta deve essere inviata ad Apple per l'approvazione, e ci impiega una settimanetta. Una settimana senza app, insomma. L'unica cosa che gli sviluppatori possono fare è scrivere, nelle novità dell'aggiornamento, un gigantesco NON AGGIORNATE!: chiaramente, con l'aggiornamento automatico non lo leggeremo mai.

Il secondo motivo è anche più importante: gli aggiornamenti per app superiori ai 100 MB di grandezza possono essere fatti sotto rete Wifi. Adesso immaginate questa situazione: la mattina, quando siete in casa, esce un aggiornamento per l'app che utilizzate maggiormente per lavoro. L'aggiornamento inizia ma prima che sia terminato uscite di casa: l'app rimarrà quindi inutilizzabile fino a quando non terminerete l'aggiornamento sotto rete Wifi; se siete fuori e non la avete a disposizione… Beh, peggio per voi, rimarrete senza app.

Insomma, noi vi abbiamo detto i problemi che riguardano gli aggiornamenti automatici: fate come vi sembra meglio, ovviamente, anche se secondo il nostro parere non vale la pena attivare l'aggiornamento automatico fino a che il sistema non verrà, almeno in parte, cambiato.

 


2 Comments

  1. 1

    Ho 2 dubbi:
    – se io aggiorno a mano appena esce l’aggiornamento, il risultato non è lo stesso che aggiornare automaticamente?
    – l’aggiornamento delle app non avviene solo quando si è sotto rete wifi?

  2. 2

    Ciao Luca 🙂
    -Si, se aggiorno subito si, ma io ad esempio guardo ogni 2 o 3 giorni se ci sono aggiornamenti, difficile che tu aggiorni un minuto dopo che l’aggiornamento è uscito e gli sviluppatori ancora non si sono resi conto dell’errore;
    -avviene sotto rete wifi se le app sono più grandi di 100 mb. Il problema è se per caso esci dalla rete wifi senza accorgerti dell’aggiornamento in corso (quando esci di casa la mattina, ad esempio) e se non hai la wifi a scuola/lavoro rimarrai senza app fino a che non tornerai a casa.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>