Come firmare al volo documenti PDF da iPad

Nell'era digitale, quell'epica storica in cui tutti usano i dispositivi elettronici (tranne i dipendenti della pubblica amministrazione dall'età media di 70 anni), sono sempre di più i documenti, anche importanti, che non vengono stampati. Non vengono stampati perché si fa prima a leggerli direttamente sul computer, mentre conservarli in cartaceo spesso non ha molto senso.

Se non in un caso: quando vanno firmati. In realtà esiste la firma digitale, ma è un kit ultracomplicato che va usato dal computer, mentre ci vorrebbe qualcosa di più immediato.

Con iOS 9, iPad ci da la possibilità di firmare i documenti con il nostro dito, disegnando la firma, in un modo molto comodo; il valore legale di questa cosa è dubbio, perché certo non possiamo firmare così un contratto di lavoro, ma se abbiamo dei documenti da firmare per presa visione è comunque interessante poter firmare al volo e rimandare immediatamente. Vediamo come fare.

Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è l'applicazione Mail, ed un iPad con iOS 9. Facciamoci inviare, o autoinviamoci, una mail con un PDF (in alternativa possiamo prenderlo da iCloud Drive, ma possiamo anche autoinviarcelo, anche per poi inviarlo ad altri, tanto è uguale).

  • Entriamo in Mail e riceviamo il nostro messaggio con il PDF. Pochi secondi e il documento si aprirà mostrandone un'anteprima già nella schermata di lettura,
  • Teniamo premuto sull'anteprima del documento: si aprirà un menu con, in basso, in tasto, che è Modifica e Rispondi; è semplicissimo da usare. Premendolo, si aprirà un nuovo messaggio, come se dovessimo allegare quel PDF ad una nuova mail.
  • Ma da questo nuovo messaggio, il PDF si aprirà un una nuova schermata, che serve ad annotare le cose ed effettuare correzioni, oltre a firmare. In questa schermata, in basso, vedremo una piccola icona raffigurante una firma. Premiamola.
  • Potremo così, nel riquadro che apparirà, firmare il documento. La firma poi si potrà spostare e ridimensionare in base alle necessità dal documento. Posizioniamola nel posto giusto, dove deve andare e premiamo “Fatto”.
  • Terminato questo, potremo finalmente inserire l'indirizzo mail del destinatario, o dei destinarati, e inviare il nostro PDF, opportunamente modificato per includere anche la firma.

 


One comment

  1. 1

    Ho pensato un momento prima di commentare: rispondere ad un cretino è tempo perso, e quindi stavo sorvolando.
    Ma poichè può capitare (in fondo è successo a me via Google) di capitare per sbaglio su una pagina come quella sopra, e scoprire ancora una volta che di ignoranti che pensano di essere geni per il solo fatto di saper usare una macchina con Q.I. minore di quello di un minore è pieno il mondo, ho pensato che un messaggio bisognasse lasciarlo.

    Il resto si commenta da se.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>