Come eseguire il jailbreak di iPad con iOS 8.3

Quando tutti ci aspettavamo l'uscita del jailbreak di iOS 9, ecco arrivare come un fulmine dal cielo nella giornata di ieri il jailbreak di iOS 8.3 per tutti gli iPad a partire da quello di seconda generazione.

Il team che lo ha rilasciato è TaiG, nome non nuovo perché aveva rilasciato già alcuni sblocchi nei mesi scorsi; tuttavia questa è una grande notizia per tutti coloro che avevano perso i jailbreak precedenti aggiornando il proprio iPad ad iOS 8.1.3, iOS 8.2 oppure iOS 8.3 e per chi, con quest'ultimo, ha problemi vari di esecuzione delle applicazioni.

Noi vi spieghiamo come eseguirlo, anche se non abbiamo provato a seguire la guida, per cui nonostante le opinioni in rete per questo tool siano ottime non lo abbiamo provato di persona. Avvisati.

  • Per prima cosa c'è bisogno di un computer con Windows, niente Mac, perché il tool non è ancora compatibile. Abbiamo poi bisogno dei file del tool TaiG, che si possono scaricare da questa pagina. Mettiamoli sul Desktop.
  • Dobbiamo eseguire quindi le operazioni preliminari: la prima cosa è fare un bel backup del dispositivo. Sarà sufficiente collegare l'iPad al computer ed aprire iTunes. Ci penserà lui a sincronizzare nel caso in cui ci fossero problemi con il jailbreak.
  • Poi ci sono le altre operazioni preliminari, che i veterani del jailbreak ben conoscono. Entriamo in Impostazioni e andiamo in Codice, quindi togliamo il blocco con codice o con Touch ID; poi entriamo in iCloud e disattiviamo Trova il mio iPad; infine dalla schermata principale di Impostazioni mettiamo la modalità Aereo.
  • Se non abbiamo già connesso l'iPad al computer tramite cavo facciamolo adesso. Chiudiamo però iTunes a questo punto, ed apriamo il tool che avevamo messo sul Desktop del computer pochi minuti fa.

  • A questo punto il programma riconoscerà il nostro iPad connesso, e ci darà due opzioni, rigorosamente nella comprensibilissima lingua cinese. Teniamo la prima e togliamo la seconda spunta. Poi premiamo Start.

  • Adesso inizierà il jailbreak vero e proprio: non tocchiamo assolutamente l'iPad mentre i file vengono copiati. Il dispositivo, peraltro, potrebbe riavviarsi e noi dobbiamo lasciarlo fare fin quando dal computer non riceveremo una scritta che ci informa che il processo è andato a buon fine.

  • A questo punto apriamo Cydia. L'iPad si riavvierà improvvisamente, ed è normale. Terminato il riavvio potremo togliere la modalità Aereo ed entrare in Cydia, stavolta però connessi ad internet, e Cydia si configurerà nel giro di qualche minuto.
  • E adesso… Complimenti: il vostro iPad finalmente è jailbroken!

 


One comment

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>