Arriva il veto di Obama: iPad 2 3G nuovamente in vendita negli USA

images

L’ultima parola al Presidente, che ha sempre il potere di veto. Lo ha dimostrato anche stavolta Barack Obama, numero uno della politica degli Stati Uniti d’America, intervenuto per porre il proprio veto su un’ingiunzione che aveva fermato la vendita di iPhone 4 e iPad 2 3G negli USA.

L’amministrazione di Obama, intervenuta su indicazione dell’intero gabinetto, ha deciso di porre un veto sul possibile blocco delle vendite di iPhone 4 e iPad 2 3G e così facendo molti modelli tra cui iPhone 4, iPhone 3GS, iPad 2 3G e il primo iPad con connettività 3G non siano più a rischio di blocco nel mercato. Il blocco, però, avrebbe influenzato soprattutto modelli che in commercio ancora stanno riuscendo a racimolare vendite, ovvero l’iPhone 4 e l’iPad 2: tuttora, infatti, sono venduti dalla Apple sul suolo americano, con ovvie e scontate flessioni a ogni uscita di un nuovo prodotto, ma pur sempre remunerativi negli Apple Store e nei negozi che fanno da rivenditori autorizzati. Il veto del Presidente sulla decisione dell’ITC fa anche storia, seppur un precedente vincolante l’avesse creato l’amministrazione di Ronald Raegan nel 1987.

Il blocco dell’ITC comunque non aveva preso in considerazione l’iPhone 5 e l’iPad di terza e quarta generazione, pertanto i modelli più recenti e che accumulano più vendite possono restare tranquilli e continuare a vivere sugli scaffali di tutti i negozi. Apple, d’altronde, per questi ultimi prodotti aveva utilizzato chip per la rete cellulare caratterizzati da un design differente: proprio il design, d’altronde, ha rappresentato il pomo della discordia negli Stati Uniti d’America.

Ovviamente reazioni differente: da un lato Apple ha elogiato l’intervento di Obama, apprezzando quanto fatto dall’amministrazione; dall’altro lato Samsung ne è uscita sconfortata e ha dichiarato che è assolutamente delusa dalla decisione di porre il veto: “La decisione dell’International Trade Commission ha correttamente valutato quanto richiesto da Samsung per proteggere la buona fede dei propri brevetti”. 


One comment

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>