Apple lancia “Life on iPad”, storie di vite cambiate dall’iPad

life_on_ipad_large_verge_medium_landscape

L’iPad ha realmente cambiato il mondo e il nostro modo di vivere? Ma soprattutto, siamo sicuri non l’abbia fatto qualche altro tablet o device al posto di quello della Apple? Per scoprirlo a Cupertino hanno giocato d’anticipo portando acqua al proprio mulino e lanciando la campagna pubblicitaria Life on iPad, un claim che vi assicura di spiegare come uno dei prodotti più innovativi della recente storia tecnologia abbia innovato, di conseguenza, la vostra vita e le vostre giornate.

La pubblicità è fruibile tramite una pagina online, che si apre con un video mostrato allo scorso evento di ottobre e quindi riproposto: tutte le attività che potete fare con l’iPad le trovate qui elencate, tutte indicate come irrinunciabili e impossibili da evitare senza il vostro tablet. Dal pompiere al chirurgo, dal medico allo scalatore, fino all’agricoltore, tutti hanno bisogno, nello spot, del proprio tablet personale, da usare in qualsiasi momento ed evenienza.

L’aspetto più particolare della campagna pubblicitaria è che oltre ad avere un messaggio da lanciare tramite un claim di grande effetto, c’è anche una spiegazione alle spalle che vi permetterà di testare teoricamente l’efficacia di quanto proposto da Cupertino: troverete, perciò, degli studi su alcuni casi realmente accaduti che fanno riferimento a Jeff Whiting, un coreografo che con l’iPad è riuscito a ricreare balletti e coreografie anche a Broadway o Christian Gaston Palmaz, che a Napa, California, ha usato il tablet per ottenere uno dei vini più rossi di sempre. Senza dimenticare anche Bridie Farrell, campionessa di speed skating che comunica a tutti l’importanza del proprio iPad, irrinunciabile per il suo allenamento. Ma anche il chirurgo Itaru Endo, direttamente dall’oriente, fa capire come l’iPad abbia potenziato e migliorato gli interventi al fegato perfezionando la propria attività in sala operatoria. Tutte storie che vengono portate ai vostri occhi per convincere, o almeno tentarci, anche i più scettici.


One comment

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>