Apple esalta l’utilizzo di Final Cut nell’ultima produzione di Hollywood, Focus

Focus-Final-Cut-Pro-X

Appena qualche giorno prima della release di Focus, la nuova commedia romantica di Hollywood con protagonisti Will Smith e Margot Robbie, Apple ha pubblicato un dietro le scene del film, mostrando come è stato montato utilizzato Final Cut Pro X, utilizzando 4444 file per il montaggio.

Focus, diretto da John Requa e Glenn Ficarra, ha deciso di utilizzare il programma di video editing di Apple grazie alla sua praticità e alla sua rapidità d’azione: il software ha dato ai direttori la possibilità di agire su molti aspetti e di avere una grande flessibilità spostandosi da un Mac Pro e un MacBook Pro. Dopo aver ricercato numerosi sistemi di lavoro, Requa e Ficarra hanno deciso di utilizzare interamente Final Cut Pro X. Il risultato è stato ben più soddisfacente di quanto ci aspettavamo. Il film è stato realizzato in tempo e con meno budget di quanto era stato stanziato.

«Abbiamo ottenuto il film che volevamo, proprio come l’avevamo pensato – ha detto Requa – quello che amo di Final Cut Pro X è che ti permette di essere coinvolto pienamente nel film e nel suo controllo, arrivando a perfezionare ogni aspetto del film». Final Cut, d’altronde, è stato utilizzato ampiamente da numerosi montatori professionisti, sin dal 2011, quando venne lanciato sul mercato. Parlando positivamente però di Final Cut, i direttori hanno avanzato alcune critiche nei confronti di iMovie. Alcuni montatori dicono che Final Cut Pro X è il nuovo “iMovie Lite”, ma Ficarra ha ammesso di preferire di gran lunga FCPX, più professionale e più preciso nelle sue proposte e capacità: «Abbiamo una grande generazione di bambini che sta imparando utilizzando iMovie – ha detto – saranno più familiari con questo tool quando arriveranno nel vero mondo». 


Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>