Rivoluzione Apple a Bergamo: libri addio, benvenuto iPad!

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:
3

Non appena Steve Jobs presentò l’iPad, la prima domanda che mi sono posta è stata:“E adesso quanti anni di vita rimarranno ai libri?”.

La mia domanda, almeno in Italia, inizia a trovare una soluzione a partire da questo quadrimestre. Infatti una quarta Liceo Scientifico di Bergamo ha iniziato la sperimentazione sulle nuove tecnologie applicate alla didattica.

I libri, per i diciassetti alunni della fortunata classe, sono ormai storia. Spazio al tablet Apple, che non sarà utile solo a pensionare i libri scolastici, ma verrà utilizzato anche per lo svolgimento dei compiti a casa.

L’idea è stata portata a termine grazie all’Ufficio Scolastico Regionale lombardo, che ha stanziato ben 10.000€, permettendo quindi l’acquisto di 17 iPad wi-fi 16 GB e di altro materiale quale un proiettore per PC ed un maxi-schermo.

I 17 allievi, quindi, saranno tenuti sotto osservazione per visualizzare eventuali miglioramenti nel loro apprendimento. Per una volta, insomma, non saranno solo i loro genitori a pretendere per loro una media da 10 e lode, ma tutti gli studenti italiani!


Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:

3 commenti dal blog

  1. Ettore ha detto:

    Dopo avere acquistato l’ipad (di cui sono entusiasta), ho capito che l’unica tecnologia all’avanguardia per leggere libri sará ancora per molto tempo la carta. Il protagonismo di certi dirigenti scolastici smanettoni, ma poco avvezzi alla lettura (svagata o professionale, ludica o didattica) porta alla ribalta iniziative tipo questa; nello stile sensazionalistico degli annunci berlusconiani, scollati dalla realtà scolastica italiana: laboratori obsoleti, sedie scheggiate che strappano i pantaloni degli alunni, collette dei professori per comprare la cartaigienica, “collaboratori scolastici” (bidelli) alienati che fumano depressi in un campo di basket fiorito di erbacce e con i canestri penduli e arrugginiti. Altro che tablet. E’ come accostare il risiko alla trincea.

  2. Elisa Ceccarelli ha detto:

    Ettore, io credo che il tablet, soprattutto negli ambienti scolastici rappresenti il futuro..
    Avere decine di kg di libri e vocabolari, in un solo fantastico strumento, rappresenta un passo avanti nella qualità della vita dello studente.
    Cercare un vocabolo semplicemente digitandolo sull’iPad migliorerebbe sensibilmente il rapporto con lingue come il latino o l’inglese..
    Io stessa utilizzo i codici di diritto, e onestamente ha reso più veloce il mio studio..mi sarebbe piaciuto avere l’IL al liceo sull’iPhone.. e non parlo di imbrogli, sia ben chiaro! Però fare una versione digitando semplicemente la parola, invoglia a fare di più..la possibilità di effettuare ricerche storiche su internet, direttamente dall’ipad, mentre si sta studiando sul tablet stesso la prima guerra mondiale, per fare un esempio, invoglia uno studente a fare di più..
    Andare a scuola solo col tablet ed il pennino per scrivere, con una app apposita per prendere appunti, migliora la qualità della vita dello studente..anche a livello fisico, avremo meno ragazzi con la scoliosi a causa di cartelle troppo pensanti..
    Pagare i libri di meno, perchè in formato digitale e non cartaceo, rappresenta una miglioria per le famiglie..
    I banchi rovinati e le strutture fatiscenti sono un problema che comunque non veniva risolto nemmeno prima che uscisse l’iPad..

  3. Marco ha detto:

    Salve, sono d’accordo con Elisa, iPad rappresenta un’innovazione fantastica e da provare per i molteplici vantaggi che offre, oltre ad essere una buona proposta da parte di docenti all’avanguardia, anche gli studenti dovrebbero avere la possibilità di valutare e scegliere lo strumento che ritengono più idoneo e confacente alle proprie esigenze, senza mescolarlo alla politica o retaggi del passato.
    Ettore… altrimenti saremmo ancora all’età della pietra…..

Commenta l'articolo!

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "Rivoluzione Apple a Bergamo: libri addio, benvenuto iPad!"

iPad, liceo scientifico ipad, news ipad, novità apple, scuola ipad, sperimentazione ipad

© 2010 iPaddisti.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Pubblicità   Privacy   Contatti