Pixoban per iPad, rapiti dagli alieni per riordinare l’astronave

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:
0

La letteratura fantascientifica ci porta molti esempi di rapimenti da parte degli alieni: ci sono extraterrestri che rapiscono per studiare l’umanità, altri che vogliono smembrare gli esseri umani per studiarne l’anatomia, e poi ci sono quelli che rapiscono un umano per riordinare la loro astronave: ebbene sì, esistono anche alieni disordinati.

Il nostro obiettivo in Pixoban sarà quello di spostare i sacchi di immondizia che popolano il livello su apposite piattaforme, dalle quali gli alieni provvederanno a scaricarli dall’astronave. In realtà il lavoro non è così pesante, ma soprattutto è divertente: il gioco è infatti un puzzle game nel quale i sacchi potranno essere spostati nelle direzioni ma non sollevati, obbligandoci quindi a scegliere il percorso giusto per condurli alle piattaforme. Particolare è poi la grafica, realizzata in pixel art e quindi dal sapore un po’ retró, che però si adatta bene a questo genere di giochi. Ottima la longevità, con ben 126 livelli da affrontare, al momento, per il superamento dei quali saremo ricompensati con un cappello che andrà a variare l’aspetto del nostro protagonista.

Da sistemare assolutamente, invece, è il sistema dei controlli: non è impreciso, ma spesso il comando non viene riconosciuto e dobbiamo ripetere la mossa, operazione alla lunga fastidiosa; in ogni caso non si tratta certo di un deterrente per tutti coloro a cui piace il genere, che a mio avviso dovrebbero scaricare questo divertente gioco.

Pixoban (AppStore Link)
Pixoban
Giochi, Famiglia, Rompicapo
Voto in App Store: 0 / 5 (0 voti totali)
0.99 €Scarica da App Store

 


Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:

Commenta l'articolo!

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "Pixoban per iPad, rapiti dagli alieni per riordinare l’astronave"

alieni, art, pixel, pixoban, puzzle, rompicapo, scatole, spostare

© 2013 iPaddisti.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Pubblicità   Privacy   Contatti