L’iPad e l’Università: la mia esperienza personale – Parte 1: Gli Appunti

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:
9

Ciao a tutti, amici iPaddisti. Oggi, e poi per qualche giorno, vogliamo proporre degli articoli un po’ diversi dal solito. Infatti, questi articoli scaturiranno esclusivamente dalla mia esperienza personale da studente universitario (del quinto anno di Medicina Veterinaria, quindi l’articolo sarà strettamente riferito a ciò che studio, non voglio generalizzare per non creare, per così dire, “false speranze” in chi possa frequentare una facoltà molto diversa dalla mia), e derivano dal fatto che molti ragazzi, spesso, si chiedono se effettivamente l’iPad sia un valido strumento da utilizzare per l’università, affiancato ad un normale PC Windows, piuttosto che acquistare un Mac, purtroppo molto più costoso di un iPad.
Ebbene, personalmente ritengo di si, e sto utilizzando sempre più spesso il mio iPad in sostituzione al computer trovandomi, malgrado qualche piccola difficoltà, molto bene nel complesso: in questi articoli racconterò la mia esperienza personale, app che utilizzo o che non mi piacciono. A voi trarre le conclusioni.

Prendere Appunti

In questa prima parte ci occuperemo di una parte fondamentale della vita universitaria: il prendere appunti, cosa che ritengo fondamentale durante l’anno accademico e che personalmente mi aiuta molto a capire le spiegazioni ed a studiare.

Per quanto riguarda il prendere appunti vero e proprio, anche nel 2012 preferisco ancora carta e penna. Non riesco a prendere appunti con l’iPad, nonostante sia molto veloce a scrivere (scrivo da iPad l’80% degli articoli che pubblico su iPaddisti.it), ma scrivo con calma, non riesco a scrivere stando dietro alle spiegazioni: per questo, utilizzo ancora carta e penna. A volte ho provato a scrivere, e nonostante non sia il mio metodo preferito, consiglierei le due seguenti app: la prima è Evernote.

Semplice da utilizzare, comoda, veloce (è la cosa più importante nel prendere appunti, ad esempio Pages di Apple tende ad avere rallentamenti, e ciò fa perdere tempo durante le spiegazioni), compatibile con ogni altra piattaforma (telefoni Android, Symbian, iPhone, computer Windows, Mac…), permette di organizzare gli appunti per data e se vogliamo per argomento. Per giunta, è gratuita. Mi sembra la migliore scelta.

Evernote - sempre organizzato (AppStore Link)
Evernote - sempre organizzato
Produttività, Utility
Voto in App Store: 4 / 5 (9147 voti totali)
gratisScarica da App Store

L’altra app, per disegnare a mano libera, è Penultimate.

Personalmente non riesco a scriverci a mano libera, nemmeno con la Stylus da capacitivo: devo appoggiare la mano e dà problemi con le gestures multitouch dell’iPad; ma se abbiamo bisogno di disegnare uno schema, può essere utile. In veterinaria di schemi c’è poco, perciò la utilizzo poco; nulla toglie che, in base alla vostra facoltà, l’utilizzo possa essere più frequente.

Penultimate (AppStore Link)
Penultimate
Produttività, Utility
Voto in App Store: 3.5 / 5 (2482 voti totali)
gratisScarica da App Store

Organizzare gli appunti

Come già detto, preferisco prendere appunti in carta e penna: tuttavia, essendo disordinato, alla fine della scrittura mi piace fotografare i miei appunti per metterli su iPad, per poterli rileggere. Per gli appunti a mano libera utilizzo semplicemente la fotocamera integrata; se invece, ad esempio, vengono distribuite fotocopie o viene consigliata la lettura di qualche pagina di libro (scrittura stampata, quindi, non scritta a mano), possiamo fotografarla tramite Scanner Pro.

In questo modo il testo (non scritto a mano libera) verrà riconosciuto e potremo, eventualmente, copiarlo su Note, Pages o anche Evernote, per averlo sempre a portata di mano; si tratta di una soluzione molto comoda, specie se utilizzate Evernote per gli appunti.

Scanner Pro 7 - Scansione documenti con OCR (AppStore Link)
Scanner Pro 7 - Scansione documenti con OCR
Economia, Produttività
Voto in App Store: 4.5 / 5 (4661 voti totali)
3.99 €Scarica da App Store

Tornando invece alle foto degli appunti a mano libera, a volte possono risultare troppo chiare/scure, e per questo può far comodo un’app di fotoritocco. Io ho scelto “il meglio” e mi sono buttato su Photoshop Touch.

Ben migliore di iPhoto per questa attività, e utile anche per altri scopi connessi all’università che riprenderemo nei prossimi articoli: lo ritengo un acquisto piuttosto valido; in questo caso specifico lo utilizzo per rendere perfettamente leggibili le foto alla carta scritta.

Adobe Photoshop Touch (AppStore Link)
Adobe Photoshop Touch
Foto e video, Intrattenimento
Voto in App Store: 3.5 / 5 (283 voti totali)
9.99 €Scarica da App Store

Ora vi chiederete che cosa ci faccia con tutte le foto: semplice: ne faccio un PDF, da rileggere comodamente come vedremo nei prossimi articoli. Preferisco effettuare questa operazione su computer, ma se proprio volete farlo con l’iPad (anche se per bypassare iTunes è necessario il Jailbreak ed il tweak iFile, per poter spostare i PDF una volta creati) esiste l’utile app PictureToPdf.

Quest’applicazione permette appunto di creare PDF a partire dalle foto. Dovete notare che, quello che ho descritto, è possibile effettuarlo anche da iPad 1, non dotato di fotocamera: basta una semplice fotocamera/cellulare (con almeno 3 megapixel di risoluzione) ed un Camera Connection Kit: su Ebay se ne trovano anche a 5 euro, di concorrenza.

PictureToPdf (AppStore Link)
PictureToPdf
Utility, Produttività
Voto in App Store: 4 / 5 (19 voti totali)
0.99 €Scarica da App Store

Spero che questo piccolo excursus possa esser stato utile a chi, magari, si trova nell’indecisione di acquistare un’iPad per l’università: continuate a seguire iPaddisti.it, nei prossimi giorni pubblicheremo altri articoli come questo, su come l’iPad mi sia stato (e mi sia tuttora) utile nell’ambito universitario.

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:

9 commenti dal blog

  1. Filippo scrive:

    Sei un grande! Grazie per le dritte ho appena preso l’iPad 3 e mi sono state utili…

    • valerio scrive:

      Lo so che sono un grande 😛 scherzo dai, comunque torna, ho preparato altri tre articoli su questo tema. Fai girare un po’ anche su FB, che potrebbe essere utile anche ai tuoi colleghi :)

  2. Gigi scrive:

    Ciao, complimenti per l’inventiva, ci voleva un post di questo tipo.
    Anche io uso l’ipad all’università, faccio odontoiatria, e devo dire che mi sono trovato piuttosto bene.
    I programmi che uso sono essenzialmente:
    Bamboo paper
    Penultimate
    Mindjet.
    Sopratutto mindjet è davvero comodo.

    Prima dell’ipad (prima il 2 poi il Nuovo), ho usato per un anno un hp tm2, un tablet pc vero, con penna con digitalizzatore attivo, one note o journal e tutto il pacchetto Windows diciamo…
    Sinceramente mi trovavo meglio con l’hp, che purtroppo mi ha lasciato… La comodità di poter usare lo schermo come un vero foglio di carta non ha prezzo, ed è per questo che alla fine mi sono comprato un asus eee slate b121, un altro tablet pc.
    L’ipad sarà un compagno valido, per la lettura dei PDF, le ricerche su internet, tutte quelle cose che sono più veloci da fare con un sistema operativo ottimizzato per il touch (Windows non ê assolutamente ottimizzato per il touch).

  3. Roberto scrive:

    Senza offesa ma credo che l’ipad non dico che sia inutile ma poco ci manca per prendere appunti.
    Se lo scopo fosse realmente questo allora l’unico modo è quello di comprarsi un tablet pc con digitizer wacom, praticamente è come scrivere su un foglio di carta e tra l’altro onenote permette di creare appunti a mano libera e in seguito integrarli con PDF o slide ppt.
    Di sicuro appoggio l’ipad per quanto concerne la fruizione di contenuti e mi ricollego al secondo articolo che hai scritto.

    Ciao

  4. Domenico scrive:

    Salve, vorrei comprare per il mio ipad 3 una di queste due stylo:

    -jaja stylus
    -jot touch

    qualcuno di voi è riuscito a provarne una? come vi siete trovati nel prendere appunti?

  5. Akoff scrive:

    Faccio medicina e prendo appunti con portatile durante le lezioni. Ho provato ad usare ipad per sperimentarlo su campo ma è solo di impiccio: non si riesce a scrivere velocemente senza fare un sacco di errori, poi il mouse e’ più comodo nella gestione della impaginazione rispetto al tap che è molto più impreciso. Scrivere col pennino proprio non avrebbe senso dato che allora è come scrivere su carta e per di più con un tratto più grosso quindi usando molte più pagine. Alla fine usarlo per scrivere e’ comodo per la portatilita’ ma serve uno spreco di tempo assurdo per ricorreggere tutto. Mi direte: usa il tastierino! Ma a questo punto faccio prima a portarmi dietro il mac air come tuttora faccio.

  6. -.- scrive:

    certo che sei un genio anche te eh……che minchia lo scrivi a fare? è ovvio che se hai un computer che pesa un kg non te ne fai una sega dell’ipad.
    Cazzarola capitan ovvio è un dilettante paragonato a te…….

  7. Milvia scrive:

    Ciao,
    ottimo articolo.
    Tra le app per studenti, è molto utile anche ioStudente.
    Io l’ho provata e mi trovo benissimo!!
    E’ gratis e si trova sia per IOS che Android.

    Ciaooooooooo

  8. Andrea scrive:

    Sempre per un utilizzo universitario intenso ( Medicina e Chirurgia ), quale mi consigliereste tra l’ Air 2 o il Mini 3, 64 o 128 gb ? io userei per scrivere la tastiera apple bluetooth, quella fisica ( gia scrivo da pc portatile, ma pesa troppo e la batteria dura troppo poco).

Commenta l'articolo!

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "L’iPad e l’Università: la mia esperienza personale – Parte 1: Gli Appunti"

esperienza, iPad, parte 1, personale, Università

© 2012 iPaddisti.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Pubblicità   Privacy   Contatti