Jailbreak iPad 2: Pod2g mostra l’immagine di un iPad 2 Jailbroken

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:
30

Ancora novità da Pod2g, l’hacker che ormai da diversi giorni si trova a capitanare il Dream Team, la squadra di sviluppo del Jailbreak per i firmware iOS 5. Alcuni giorni fa, infatti, lo stesso hacker aveva pubblicato un video nel quale aveva mostrato un iPhone 4S, ovvero uno dei due dispositivi dotato di chip A5, su cui era stato eseguito il processo di Jailbreak, e nel video il dispositivo era stato riavviato per mostrare come il jailbreak fosse untethered.

Poche ore fa, lo stesso Pod2G ha pubblicato un immagine dell’altro dispositivo contenente il chip A5, l’iPad 2, per cui esiste, al momento, solamente un Jailbreak ed è quello relativo alla versione 4.3.3 del firmware.

L’immagine è quella che potete vedere in alto dell’articolo, da cui possiamo evincere che si tratta di un iPad 2 (non esiste un iPad 1 bianco), possiamo leggere che il firmware è la versione 5.0.1 (a cui vi consigliamo di aggiornare se volete preservare la possibilità di effettuare il jailbreak) e che, ovviamente, è jailbroken in quanto sta eseguendo l’app Cydia, disponibile esclusivamente per questo tipo di dispositivi.

Siamo sempre più vicini, finalmente, al rilascio del Jailbreak Untethered per iPhone 4S ed iPad 2? Speriamo. nel frattempo, se non l’avete ancora fatto e siete interessati al jailbreak, aggiornare iOS alla versione 5.0.1 per non perdere la possibilità di poter compiere l’operazione di sblocco sul vostro dispositivo.

[Via]

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:

30 commenti dal blog

  1. Vincenzo scrive:

    Ma perché questi postano video e foto e nn rilasciano sto cavolo di jailbreak! L’ipad e’ inutilizzabile senza cydia e installous! Dai rilasciatelo!

    • Yngwie scrive:

      Ho sempre appoggiato il loro lavoro e scusato ogni ritardo.
      Ma sarebbe meglio avere meno notizie CAZZATA come queste
      e più cose concrete.

    • MyWeightFight scrive:

      Tempo perso per fare una foto e postarlo? Cinque minuti al massimo (ma proprio a tirarla per le lunghe, eh!). Scusa tanto se chi sta lavorando per te gratuitamente si prende una soddisfazione.
      Cosa hai fatto tu per contribuire? N U L L A.

      Quindi almeno stai zitto.

    • emanuele scrive:

      Veramente oscena qst situazione … do di tempo 3 gg ancora poi il mio iphone 4s bianco diventera nero perkè lo butterò nello spazio aperto

  2. Psylocibe scrive:

    Dai dai che ci siamo forza jailbreak

  3. Franco scrive:

    Il jailbreark ė utile per sbloccare alcune funzioni, ma non per scaricare app gratuitamente, questo si chiama rubare, meglio acquistare che rubare, anche perché le app non costano cosí tanto

    • Dret scrive:

      Ma vallo a raccontare a qualcun’altro.
      Il primo che si scarica le app senza pagare sei tu.quindi fammi la cortesia di T A C E R E.

    • Fabry scrive:

      Se facessero una legge che dica che “È GIUSTO pagare l’aria che respiriamo e non pagarla significa RUBARE”, sareste capaci di dire la stessa cosa -.-

      Mettere in vendita i programmi, che non sono cose reali, è semplicemente sbagliato. Se qualcuno fa un app, che è un programma, dovrebbe farlo per passione e per metterla a disposizione di tutti e non per guadagnarci su, altrimenti può anche andare a farsi fottere, perchè io non pago per qualcosa che esiste solo su uno schermo e non ha bisogno manco di un supporto come un cd/dvd.

      • gip scrive:

        Che assurdità. se si considera il valore di un prodotto solo in base alla sua “esistenza” fisica l’intero mercato del software dovrebbe essere gratuito. Anche un applicazione come Photoshop dovrebbe essere distribuita a titolo gratuito; è questo che dici? E pensi davvero che, se non vi fosse possibilità di ricavarne un utile, i team di programmatori di Adobe si sforzerebbero a realizzare un prodotto così complicato ed efficiente? Che criterio stupido: la realizzazione di software è un lavoro esattamente come la realizzazione dell’hardware e per tanto dev’essere retribuito.

      • nick scrive:

        la tua stupidità non ha limiti!

      • Fabry scrive:

        Mi spiace per voi allora… Sono fiero di essere della zona di Napoli e di essere stato educato a “rubare” (per modo di dire, in realtà è dare un prezzo ad un progamma che è una cosa fuori dal mondo) ogni qual volta si presenta l’occasione. Purtroppo non tutti possiamo permetterci di buttare i soldi fuori dalla finestra come voi per delle cose che dovrebbero essere gratuite.

        • Il tuo maestro scrive:

          @fabry

          Caro Fabry, la risposta viene spontanea : non sei mai andato a scuola e non hai mai ricevuto la benché minima educazione sociale, e non perchè sei di Napoli ma perché sei terribilmente ignorante e non in grado di capire che cosa sia un prodotto dell’ingegno e della mente… un prodotto, secondo te, se non puoi metterlo in bocca (come i bambini) allora non esiste…. eheheh….
          Complimenti.

          • Il tuo maestro scrive:

            @fabry

            Prima che qualcuno si scaldi, “Ignorante” nell’accezione più pura del termine : chi non conosce in modo adeguato un fatto o un oggetto, ovvero manca di una conoscenza sufficiente di una o più branche del sapere. Può altresì indicare lo scostamento tra la realtà ed una percezione errata della stessa.
            In senso comune il termine ignoranza indica la mancanza di conoscenza e di qualche particolare sapere, inteso in generale o su di un fatto specifico. Può significare anche non avere informazioni su un fatto o su un argomento”

          • Fabry scrive:

            Quindi? Probabilmente una buona metà di voi è interessata al Jailbreak solo per le applicazioni gratis. E per quanto riguarda le tanto citate apps esclusive di Cydia, ci sono un sacco di apps a pagamento sullo store che hanno le stesse funzioni… Perchè allora seguite l’evoluzione del JB se credete sia giusto pagare?

  4. […] pubblicazione, da parte dell’hacker Pod2G, della prima immagine di iPad 2 Jailbroken che, come abbiamo visto, mostrava il dispositivo eseguire la più famosa app per dispositivi sbloccati, ovvero Cydia, […]

  5. Drake scrive:

    Soggetti

  6. Luca scrive:

    Un software utile, se è frutto esclusivo della mente del suo prOgrammatore e ci ha perso del tempo per crearlo è giusto che al prezzo adeguato sia venduto…poi che tu voglia pagarlo o non voglia quelli sono fatti tuoi..penso che paghiamo Gia troppo in questo paese e se qualkosa riusciamo a risparmiarcela ben venga…e Cmq è Apple anche che vende device All apparenza così limitati e credetemi che da qst storia dei jb la Apple ci guadagna solo…vi ricordo che il Samsung Galaxy s2 ha un app che la scarichi tranquillamente e ti permette di trovare tt le apps a pagamento gratis…quindi se lo permettono così facilmente evidentemente nn è poi così oscena la cosa.

  7. Luca scrive:

    Ma tu stai fuori…ma che ti credi che uno che fa un programma ci mette 2 secondi a crearlo…quello ci sbatte ore su ore…anche giorni o mesi…ci mette il suo ingegno per farti fruire nel migliore dei modi del programma e tu lo vorresti gratuito…è cm dire che vai dal falegname a farti fare un mobile e poi non lo paghi…è la stessa cosa…ma evidentemente tu sei uno di quei tipi che le tue cose hanno un valore e quelle degli altri no…

    • Fabry scrive:

      E se crea una app solo a scopo di lucro, e non tutti lo fanno, quindi non è la normalità, si facesse pagare dalla Apple o dalla gente che ha soldi da buttare e non da chi al quale può servire ma i soldi ormai li spende tutti solo per comprare il pane… Ripeto, mettessero una tassa sull’aria, sareste capaci di pagarla perchè la genta fa l’enorme fatica di non respirarla tutta quanta -.-

  8. Gip scrive:

    Fabry, premesso che la forma corretta è “se crea app solo a scopo di lucro si FACCIA pagare dall’ Apple”, devo farti notare che il tuo paragone è completamente incongruo poichè l’aria è una necessità, l’ipad un privilegio; ergo se non trovi onesto il metodo di compra/vendita elaborato da Apple puoi comunque astenerti dall’acquistare un prodotto che utilizza IOS e certo non morirai. Tolto questo, per carità, non voglio calarmi in moralismi estremi, ovvio che se si può risparmiare su qualche app lo si fà volentieri: trovavo solo assurdo il tuo criterio secondo il quale un software, non avendo forma fisica, non esiste e quindi non ha un valore. Dietro un software ci sono mesi di lavoro e spesso anche grossi investimenti per lo sviluppo.

    • Fabry scrive:

      Innanzitutto mi scuso per l’errore, non avevo ricontrollato il messaggio. Comunque rimango della mia idea, l’iPad si paga perchè senza le app non girerebbero da nessuna parte, come si pagano i PC, le consolle ed i CD/DVD vergini, mentre i programmi dovrebbero essere creati per essere utili ed utilizzabili da tutti senza pagare: devo forse pensare che tutti coloro che mettono a disposizione le proprie applicazioni gratuitamente siano dei fessi? Poi ognuno la pensa come vuole, eh.

      • Gip scrive:

        Qui si entra nel merito di un argomento più amplio. Il punto è questo: la straordinaria quantità e qualità dei software ed hardware moderni si deve ai guadagni che essi garantiscono. Se Photoshop non ha margine di vendita non verrà prodotto perchè ovviamente coloro che lo realizzano lo fanno come lavoro. E stai pur certo che una versione di un ipotetico photoshop gratuito non potrebbe mai esser all’altezza, poiché il prodotto, se vende, viene supportato nello sviluppo da ingenti finanziamenti che permettono di raggiungere soluzioni irraggiungibili senza stanziamenti, a fronte di laudi margini di guadagni, perché sono le aziende che finanziano queste ricerche ed hanno i loro interessi. Mi risulta difficile pensare che tu non riesca a capire una cosa semplice come questa.

        • Fabry scrive:

          Mi riaggancio ad una precendete risposta: perchè allora c’è gente che crea un sacco di ottimi programmi (ripeto, ottimi, non sempre i programmi gratuiti sono delle patacche, eh) gratuitamente? Devo pensare che loro siano degli scemi a non farsi pagare?

          • Gip scrive:

            Semplicemente, magari, si tratta di applicazioni semplici, che non hanno richiesto sforzi notevoli in termini di sviluppo a tal punto da non richiedere compensi. In altri casi, la quasi totalità dei casi, le app gratuite sono sponsorizzate, o dalla versione a pagamento dell’app stessa o da terzi. Pertanto lo sviluppo e la distribuzione viene finanziata dagli sponsor che hanno interesse che il prodotto giri gratuitamente e quindi con facilità in modo che la propria pubblicità venga vista da più utenti. Ma non sempre questo è possibile, anche perchè l’app prima di essere sponsorizzata dev’essere notata. C’è sempre un interesse economico dietro ed è giusto che sia così perchè alla fine si tratta di un lavoro.

Commenta l'articolo!

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "Jailbreak iPad 2: Pod2g mostra l’immagine di un iPad 2 Jailbroken"

a5, immagine, ios 5, ipad 2, jailbreak, jailbroken, pod2g

© 2012 iPaddisti.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Pubblicità   Privacy   Contatti