iPad: le applicazioni surclassate dall’iOS5

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:
4

Inevitabilmente dopo la presentazione di iOS 5 di pochi giorni fa Apple procederà ad un rinnovamento del suo listino modificando ed aggiornando tutte le applicazioni obsolete. La prima applicazione che rischia di essere surclassata completamente è quella di Facebook: in America Twitter è molto più popolare e attira molta più utenza, tant’è che con iOS si andrà a potenziare la possibilità d twittare a discapito della condivisione. Vedremo ovviamente in Italia come andranno le cose visto che il social network blu va ancora meglio del tweet.

Il concetto di evoluzione della fotocamera, con CameraPlus, sicuramente andrà a denigrare tutte le applicazioni nate per il photo editor: potendo infatti modificare la foto alla radice risulterà quasi inutile andare a procurarsi un fotoritocco a pagamento. Ovviamente tale discorso viene meno quando dovremo effettuare operazioni degne di nota. A partire da giugno 2012, poi, con iCloud vedremo il definitivo tramonto di MobileMe, che fino ad oggi era stato il principale artefice della sincronizzazione dei nostri dispositivi. Con l’archiviazione online verrà meno anche la funzionalità di Google Docs, che verrà completamente inglobato nei suoi sistemi di condivisione Apple.

Infine colpo di grazia anche per Amazon Cloud Player e Google Music Beta, che vengono surclassate da iTunes Match.

[Via]


Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:

4 commenti dal blog

  1. Federico ha detto:

    Boh, io non vi capisco. iTunes in the Cloud e Google/Amazon sono diversi. Con i due si possono avere giga su giga di musica disponibili all’istante senza doverli scaricare, con iTunes in the Cloud bisogna avere spazio sul dispositivo per scaricarli. Il problema è che non saranno neanche disponibili nella libreria, si dovrà prima andare a cercarli nell’app iTunes e poi ascoltarli dopo il download. In pratica mi sembra quasi inutile.

    Ma diciamo che il problema non si pone… nessuno dei tre è disponibile in iTalia

  2. WalterB ha detto:

    Ciao Federico, non mi trovo del tutto d’accordo. Secondo me il fatto di non poter ascoltare gli MP3 in streaming non è del tutto uno svantaggio, considerando anche la qualità ed i costi dei contratti dati in Italia.

    Con iTunes in the Cloud sarà possibile ascoltare le canzoni scaricate anche senza una connessione attiva, senza preoccuparsi dei tetti di traffico dati o di rallentamenti della connessione.

    • Federico ha detto:

      Non ci lamentiamo sempre, in Italia con 20€ abbiamo 10GB al mese con Wind. Negli usa con 20€ danno 2GB. Suvvia.

      Con iTunes in the Cloud dovrai comunque scaricarle prima o poi, e gli altri due servizi hanno probabilmente qualche cache locale, quindi dopo il primo play rimangono in memoria per un po’.

  3. WalterB ha detto:

    Bhe ma con iTunes si può sincronizzare il dispositivo via WiFi a casa ed ascoltare le canzoni in mobilità senza connessione… A me sembra un servizio migliore, senza dover essere per forza di parte sia chiaro 😉

Commenta l'articolo!

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "iPad: le applicazioni surclassate dall’iOS5"

app ios5, ios5, nuove app per ipad

© 2011 iPaddisti.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Pubblicità   Privacy   Contatti