Esplosione fabbrica Foxconn in Cina: nessun rallentamento produzione iPad 2

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:
1

Esplosione fabbrica Foxconn in Cina: nessun rallentamento produzione iPad 2

Nella giornata del 20 maggio alle ore 19:00 locali, come vi abbiamo prontamente riportato, è avvenuta un’esplosione in una delle fabbriche di Foxconn dove, tra le latre cose, vengono assemblati gli iPad e altri dispositivi portatili di Apple. Sul posto sono subito arrivati i soccorsi, oltre 10 mezzi dei pompieri, polizia ed ambulanze, e purtroppo a causa dell’incidente sono morti tre operai, oltre a 18 feriti, alcuni in gravi condizioni.

A seguito dell’incidente, si è creata un po’ di confusione sul Web, ma finalmente oggi sono stati comunicati i dettagli ufficiali su quanto accaduto e su quali saranno le conseguenze a livello di produzione.

Inizialmente erano due gli operai morti a causa dell’esplosione nella fabbrica Foxconn, ma il comunicato ufficiale ha purtroppo svelato che proprio qualche decina di ore fa è morto un terzo operaio, il quale aveva riportato delle gravi ferite e ustioni nel laboratorio dedicato alla lucidatura.

L’indagine condotta dalla polizia e dai tecnici della compagnia cinese ha rivelato che l’esplosione è stata causata in una conduttura da delle polveri combustibili, molto probabilmente alluminio. I dirigenti di Foxcoon si sono subito messi a disposizione delle autorità per continuare le indagini su quanto accaduto e mettere in sicurezza l’intera fabbrica.

Per quanto riguarda la produzione di iPad, non dovrebbe avvenire alcun rallentamento della produzione, anzi.. il quotidiano China Times parla di un’accelerazione nell’impianto principale di Shenzhen per venire incontro a tutte le esigenze del mercato.

[Via]


Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:

Un commento dal blog

  1. Roberto ha detto:

    Ho prenotato l’acquisto di un iPad 2, dopo questa notizia e la lettura dell’articolo tradotto e pubblicato su Internazionale di questa settimana (nr 900) del “Global Post” (Stati Uniti) sulle condizioni di lavoro degli operai nella fabbrica dove è avvenuta l’esplosione, probabilmente rinuncerò a questo acquisto, a meno che la Apple non interverrà, non formalmente, ma davvero per migliorare le condizioni di lavoro di coloro che fabbricano iPad 2 (cosa che ritengo comunque molto poco probabile). Sarei davvero curioso di sapere quanto del prezzo finale che si paga per iPad 2 copre il “costo del lavoro”. Qualcosa mi dice che sarà poco sempre troppo poco. Forse per noi basterebbe pagare questi prodotti 50 euro in più per cambiare radicalmente le condizioni di lavoro e salario di queste persone. Io lo farei senza ombra di dubbio. Mi sta anche bene che si produca dall’altra parte del mondo perchè il lavoro costa meno, ma dovrebbero esserci accettabili condizioni di lavoro e adeguati (davvero) stipendi rispetto al costo della vita. Qualcuno è in grado di sapere quanto va in percentuale agli operai di quello che noi paghiamo per un iPad o un iPhone? Grazie

    Roberto

Commenta l'articolo!

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "Esplosione fabbrica Foxconn in Cina: nessun rallentamento produzione iPad 2"

cina, esplosione, fabbrica, foxconn, iPad

© 2011 iPaddisti.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Pubblicità   Privacy   Contatti