Come rendere veramente utile la spotlight di iPad per i risultati delle ricerche

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:
0

Una delle innovazioni più interessanti di iOS 9 è stata sicuramente quella della ricerca spotlight. La ricerca, infatti, era stata implementata ormai da tempo nel sistema operativo, ma con iOS 9 Apple ha dato la possibilità agli sviluppatori di includere l'interno delle app tra i risultati della ricerca.

In altre parole, la spotlight può funzionare come il finder del Mac o il Cerca di Windows: se ho un documento che si chiama “Piantina” ma non ricordo dove l'ho messo, posso scriverlo direttamente sulla barra anziché rivangare ogni singola applicazione.

Ma, si sa, fatta la legge e trovato l'inganno: perché il sistema era interessante, ma alcune applicazioni lo hanno usato molto bene (una su tutte, Documents) mentre altre lo hanno beatamente ignorato. E questo non sarebbe stato un problema, se Apple avesse permesso di includere nei risultati delle ricerche solo le app aggiornate a supportare questo sistema, e così non è: le mette tutte, semplicemente.

Come si fa a rendere utile questo sistema, quindi, visto che da utenti non sappiamo quali app sono aggiornate e quali no?

Ci vuole un lavoro un po' certosino, ma se lo facciamo scopriamo che alla fine il sistema può essere molto utile perché potremo poi cercare qualsiasi file.

  • Per prima cosa, entriamo in Impostazioni, quindi Generali, Ricerca Spotlight e vedremo la lista di tutte le app che possono essere incluse nei risultati della ricerca. Qui per prima cosa dobbiamo fare un po' di pulizia togliendo tutte quelle applicazioni che sicuramente non ci interessano, come i giochi, il meteo, i browser. Non contengono file, quindi disattiviamoli tutti.
  • Saremo così rimasti con una ventina di applicazioni, quelle come Word, Documents, VLC, insomma quelle che hanno un contenuto di qualche tipo che ci possa interessare trovare. Ed è qui che inizia il lavoro certosino.
  • Entriamo nella prima app e visualizziamo il nome di un file in essa contenuto, ad esempio “Film”. Scrivendo “Film” sulla spotlight, tra i risultati compare il link a quel file? Se la risposta è si, la teniamo attiva nelle Impostazioni. Altrimenti la disattiviamo, perché significa che non è stata integrata.
  • Ripetiamo questa operazione per tutte le app che vevamo lasciato attive: ci vorrà qualche decina di minuti, ma alla fine avremo capito quali app supportano la ricerca interna e quali non lo fanno, e le avremo impostate di conseguenza.

Da questo momento, quindi, saremo sicuri che cercando un file in iPad troveremo, nelle app che utilizziamo maggiormente, subito il risultato della nostra ricerca, risultando così utile come su un computer.

Anche se questo lavoro poteva esserci evitato da Apple con un semplice accorgimento tecnico che facesse tutto in automatico…

 


Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:

Commenta l'articolo!

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "Come rendere veramente utile la spotlight di iPad per i risultati delle ricerche"

cercare file iPad, cercare file nelle app, ricerca file, ricerca sporlight, spotlight

© 2016 iPaddisti.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Pubblicità   Privacy   Contatti