Come avere gratis le app iWork ed iLife anche senza acquistare un nuovo iPad/iPhone

Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:
21

Come tutti sapete benissimo, qualche giorno fa ha avuto luogo il keynote durante il quale Apple ha presentato ufficialmente i nuovi modelli di iPhone. Chiaramente sapevamo che l'evento sarebbe stato incentrato su questo, quindi non ci aspettavamo particolari novità sul fronte iPad. Ciononostante ce n'è stata una, anche abbastanza importante: le suite iLife ed iWork diventano gratuite per tutti quelli che acquisteranno un dispositivo iOS 7 (quindi, a quanto sembra, non chi aggiornerà, ma solo chi comprerà un nuovo iPhone 5S, 5C, un iPad 5 o un nuovo iPad Mini 2, questi ultimi non ancora ufficialmente presentati).

Il costo di queste app non è irrilevante. Ogni app della suite iWork costa 9 euro, per un totale di 27, a cui si vanno ad aggiungere i 5 euro per ogni app della suite iLife, per un totale di 15 euro che sommati ai precedenti fanno 42 euro, che non sono pochi. Il risparmio in questo senso acquistando un nuovo dispositivo sarebbe di 37 euro (per qualche motivo GarageBand non viene distribuita gratuitamente e va acquistata).

Apple si è quindi comportata male con tutti i suoi utenti, primo perché molti di noi hanno acquistato queste app e avrebbero potuto averle in modo del tutto gratuito, secondo perché se uno ha un iPad di quarta generazione e non comprerà quello di quinta, le app le deve pagare comunque, nonostante abbia speso gli oltre 500 euro necessario per acquistarlo.

È proprio a causa di questa mancanza di rispetto che vi spieghiamo come potete avere gratis queste app, in ogni modo possibile. Se le avete già acquistate peccato, ormai i soldi Apple se li è presi senza troppi complimenti.

Se ancora non le avete acquistate, invece, non fatelo. Se avete intenzione di acquistare un nuovo iPhone/iPad ci eravate arrivati già da soli, ovviamente, ma non acquistatele nemmeno se non ne avete intenzione, anzi cercate qualche amico che possa “condividere” con voi queste app. Lui, infatti, alla prima accensione del dispositivo, scaricherà gratis le app ottenendole come “acquistate” su App Store: una volta compiuto questo passaggio, sarà sufficiente effettuare il login su App Store con il suo Apple ID (se non vuole, a ragione, rivelare la password, fate effettuare il login direttamente a lui) quindi scaricare le app che saranno, a questo punto, gratuite. Effettuiamo il logout e rientriamo con il nostro Apple ID: le app rimarranno a pagamento, per noi, ma così le avremo tutte sul nostro iPad senza spendere un euro, anche se non saranno aggiornabili (male di poco, visto che gli aggiornamenti delle app Apple sono molto rari…). Una piccola rivalsa su Apple che, in questo caso, si è comportata veramente male con i “vecchi” utenti.

 


Ti piace questo articolo? Aiutaci a crescere con un like:

21 commenti dal blog

  1. Dario scrive:

    Mi meraviglio di iPaddisti che pubblica un articolo del genere che ritengo altamente scorretto.
    La pratica suggerita è, a mio avviso, deprecabile.
    Probabilmente è già praticata da molti, e riguarda la coscienza di ognuno, ma il fatto che sia suggerita da un sito pubblico è vergognoso.

    • Tu má scrive:

      Ma vai a cagar….

    • DKDIB scrive:

      Se Apple volesse, potrebbe bloccare questa pratica con estrema facilità, quindi la “colpa” è solo sua.

      Detto ciò, le aziende giocano abitualmente con i cavilli, restando così borderline: perché mai non dovrebbero farlo anche gli utenti finali?
      Limitarsi in tal senso, è una cosa stupida.

    • Gabriele scrive:

      Sei per caso un avvocato della Apple!?!?

    • Gabriele scrive:

      Quindi se io ho un iPad vecchio e uno nuovo e voglio trasferire la suite di iWork anche sull’ipad vecchio, non lo posso fare? Cioè su quello nuovo mi piglio le app gratis e su quello vecchio le devo comprare? Fammi capire quale parte di te è andata completamente… È una procedura legalissima, non ha niente di sbagliato… Altrimenti ogni volta che uno compra un’app e la può installare solo sul su un dispositivo finisce per spendere un sacco di soldi.

    • Antonio scrive:

      Ritengo sia più vergognoso che io, possessore del Nuovo iPad (il 3º per intenderci), debba scoprire che il mio collega dell’università, possessore di iPad Mini Retina, possa scaricare queste app in maniera totalmente gratuita ed io debba pagarle un botto! Il bello è che l’iPad l’ho preso appena uscito e lo sto ancora pagando (abbonamento con la 3). Questa però è solo la mia semplice opinione.

  2. Fabio scrive:

    Alla prima sincronizzazione con iTunes sul proprio pc spariscono però!se non sbaglio….

  3. valerio scrive:

    Non ci avevo pensato, non so se scompaiano alla sincronizzazione… Io non sincronizzo con iTunes, uso sempre iFunbox perché controllo meglio l’iPad… Qualcuno può confermare che aggiorno la guida?

    Per Dario: secondo me è scorretto il comportamento di Apple, non questo metodo che tra l’altro è legale, visto che in qualche modo è permesso da Apple stessa. Avrei potuto anche scrivere “fate il jailbreak e scaricatele da ipa planet” ma questo non sarebbe stato corretto, visto che scaricare app craccate non è legale. Quello no. Ma utilizzare questo metodo, di cui peraltro avevamo già parlato, non è illegale, e se può essere considerato “scorretto” da Apple, basta guardare, a mio avviso, il modo in cui Apple tratta noi utenti.

  4. Matteo scrive:

    Francamente non voglio difendere apple..ma..comportamento scorretto?
    Prima cosa: non solo chi ha comprato un’ipad 4 ha speso 500€, ma anche quelli che hanno preso i modelli precedenti, quindi perché per l’ipad 4 si e gli altri dispositivi no?
    Seconda cosa: se io vado in un negozio di vestiti e compro dei pantaloni ed il giorno dopo li scontano del 70%? Ci rimani male, ma non credo che un negozio ti darebbe mai un buono spesa o altro per compensare.
    Poi se qualcuno le ha comprate vuol dire che gli servivano e quindi le ha usate!

  5. JD scrive:

    Non è affatto scorretto nei confronti di apple il prcedimento illustrato, esso infatti è concesso da apple e permette alle famglie con più dispositivi di avere ogniuno il proprio account icloud per gli streaming foto e un unico account appstore per gli acquisti in comune come poteva essere whatsapp fino a non molto tempo fa.

    • Rhemus86 scrive:

      E’ corretto finchè è una “condivisione in famiglia”, cioè l’account lo condividi in tutto e per tutto con una persona, autorizzando il PC (massimo 5), potendo effettuare acquisti etc. Qui si parla di farsi “prestare” l’account e non condividerlo. Appena collegherai l’iPhone al PC, addio applicazioni.

  6. Defgr scrive:

    JD se sei di TREVISO sparati

  7. Rhemus86 scrive:

    Ma come si possono pubblicare tali cose?
    Questa procedura funziona se e solo se l’account del vostro “amico” viene anche registrato nel vostro iTunes, con un limite di 5 pc connessi in totale ed, inoltre, al momento di effettuare aggiornamenti verrà richiesta la password. Quindi dovete condividere l’account del vostro amico sia su PC che nel vostro iPhone/iPad e sapere la password.
    Ciò è possibile farlo per qualunque applicazione a pagamento, a questo punto avreste potuto dire: create un ID Apple con diviso in 5 persone (è il limite massimo), comprate una carta iTunes da 50€, mettendoci solo 10€ ciascuno e, tutti e 5, condividerete 50€ di applicazioni nei vostri dispositivi.
    Naturalmente tutto ciò non è legale e, in caso di problemi, fatturazione, risponde sempre e comunque l’intestatario del servizio.

  8. Mario. Rossi scrive:

    Scusate, ma anche per averlo su iPhone bisogna comprarne uno nuovo? Perché io ho aggiornato il mio iPhone 4 a iOS 7 e le ho potute scaricare.

  9. Luca scrive:

    Ciao Mario,
    anche io il tuo stesso problema!! cioè prima spendo 400 euro per un telefono e poi TRAN esce il modello nuovo e noi della “vecchia” generazione rimaniano fregati!
    Qualcuno sa come fare? per favore se sapete rispondetemi
    Grazie 🙂

  10. Luca scrive:

    sono ancora io, guardate ero talmente arrabbiato che tra il cercare un modo per rivendere il mio iphone o per farlo rivalutare al meglio mi sono imbattuto in questo video… http://www.youtube.com/watch?v=nMIKqW7sWnQ voi cosa ne pensate?
    (…..Mah)

  11. Luca scrive:

    Risposta a Mario.Rossi
    Anche io sono riuscito a scaricarle gratis sul mio iPhone 4, credo perché lo ho preso dopo che iOS 7 era già stato lanciato, ma non ne sono sicuro visto che mio zio ha comprato un iPad 4 dopo che era stato lanciato il nuovo sistema e non le ha potute ottenere.

  12. clauderouges scrive:

    Questo articolo è assolutamente folle! E chi l’ha scitto è un ladro e un disonesto. Vergognatevi!

  13. Nicola scrive:

    Ciao ipaddisti,
    quella che dici è una grande cazzata perché se contatti l’assistenza Apple, basta chiedere di ricevere le app che sono per te a pagamento, fornendo codice IMEI e Codice Seriale del dispositivo per vedere se effettivamente hai un dispositivo “non in lista” e ti forniscono un codice “sconto” per scaricare GRATIS l’app, quindi prima di scrivere cazzate informateviiiii !!!!!
    DISTINTI SALUTI
    NICOLA

Commenta l'articolo!

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "Come avere gratis le app iWork ed iLife anche senza acquistare un nuovo iPad/iPhone"

app, gratis, ilife, imovie, iPhoto, iwork, keynote, numbers, pages

© 2013 iPaddisti.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Pubblicità   Privacy   Contatti